Tutti gli articoli di WebNoirMaster

giallo garda

Share

INFORMAZIONI GENERALI PER I VIDEO 

inviare il video tramite we tranfer 

a ROBERTO VAN HEUGTEN alla mail

fiammingo@me.com 

con oggetto A VOCE ALTA PER VOI


Riprese con smartphone in verticale- durata 7-8 minuti

Frase inizale:
A VOCE ALTA PER VOI…. dagli Scrittori di Giallo Garda

                                                           dagli amici di GG

                                                           dal comitato di  GG

Dagli amici di URBINOIR

VS. Nome e cognome (tenete il libro rivolto vs il pubblico)

Autore – Titolo del libro- Casa editrice.

Lettura

Breve riflessione o messaggio

Grazie!

HAIKU NOIR 2020, il bando

Share

Urbinoir 2020 propone la III edizione di HAIKU NOIR

1. Si partecipa con UN MASSIMO DI TRE POESIE, in lingua italiana, inglese o giapponese (in questo caso seguita tra traduzione in italiano), secondo le regole dell’haiku: tre versi di 5, 7, 5 sillabe. In considerazione degli sviluppi contemporanei della forma haiku, sia in Giappone sia in Occidente, tale numero di sillabe non è strettamente obbligatorio, pur restando altamente auspicabile.

Di seguito il Bando in formato PDF

Il corpo del peccato di Silvia Di Giacomo

Share

Silvia Di Giacomo, Il corpo del peccato, Foschi Editore, 14 €

Un’anziana signora della ricca borghesia bolognese viene trovata morta nel suo appartamento. Appartiene a una nota e riverita famiglia di notai, collezionisti compulsivi, e l’omicidio viene subito collegato con il furto di preziosi orologi. Questa, almeno in apparenza, la vicenda narrata nel romanzo di Silvia di Giacomo. Un romanzo noir che in realtà va molto oltre la semplice vicenda e diventa ben presto un interessante spaccato della società in cui viviamo, degli ambienti e i personaggi che caratterizzano gli aspetti visibili e anche quelli in apparenza invisibili delle nostre città. Come in ogni noir che si rispetti, i veri protagonisti diventano la città e i suoi personaggi, divisi da stridenti stratificazioni che talvolta si compenetrano con effetti difficilmente immaginabili a priori. A svolgere le indagini è il commissario Claudio Degli Esposti, sensibile e profondo conoscitore dei diversi ambienti che coesistono nella città, nei quali può contare su amicizie e informatori, e dei quali conosce regole e punti deboli. Ma nel corso delle indagini l’attenzione del commissario viene distolta da altri casi, altre vicende che sembrano correre parallele, riguardanti altri strati e altri ambienti, ma i cui fili si intrecciano e dal garbuglio emergono nuove e inattese informazioni, collegamenti, congetture, sorprese, strappi. E nel seguire questi fili l’autrice non dimentica di evidenziare i problemi, le contraddizioni ma anche i punti di forza e la bellezza dell’ambiente bolognese, così come di tante città italiane. Un’operazione ben riuscita, elegante e avvincente, con una scrittura scorrevole e con il giusto mix di descrizioni crude e storie tenere, grazie anche alla coesistenza di personaggi di varie età ed estrazioni sociali. E con la dovuta eleganza e riconoscenza l’autrice riesce persino a rendere omaggio ad alcuni maestri, da Scerbanenco a Lucarelli.

Gian Italo Bischi

URBINOISE. Noir e paesaggio sonoro

Share

Call for papers

URBINOISE. Noir e paesaggio sonoro

URBINO 25-26-27 novembre 2020

Nell’International Year of Sound, Urbinoir 2020 è dedicato al paesaggio sonoro del noir. 

Si tratta di indagare un panorama variegato e complesso che include voci e silenzi, suoni e rumori, musica e colonne sonore. A volte il suono accompagna il delitto, a volte l’indagine; ora sottolinea stati d’animo, ora si ricollega alla scena del crimine… 

può trattarsi delle parole di una testimonianza oppure di una confessione… 

ma può consistere anche solo nell’origliare, o nell’imbattersi in un indizio sonoro inaspettato …altre volte si basa invece su ricordi riattualizzati…. ma racconta 

in ogni caso, sempre, una storia che va a interfacciarsi con ciò che magari gli occhi 

non vedono. L’evento si inserisce anche nel progetto di dipartimento
“Talking Noir. I(l) linguaggi(o) del genere thriller, noir e poliziesco tra giornalismo, letteratura e cinema”.

Inviare un abstract di max 300 parole, completo di parole chiave e breve bio, ad <alessandra.calanchi@uniurb.it> entro il 20 aprile 2020. 

Risponderemo entro il 30 maggio.

Vincitori Haiku-noir 2019

Share

 Pubblichiamo di seguito i testi e i nomi dei vincitori del concorso Haiku-Noir 2019

1^ classificata: Rita Simonetta Sarchi

Tacchi a spillo 

Tra cespugli di rose 

corpo di donna 

2^ classificato: Giorgio Franceschelli ex-aequo

Si secca il sangue

Tra le pagine – morte 

Nel pomeriggio.

2^classificato: Elisa Marchetti  ex-aequo

Mascara sciolto

Luccica al primo flash

Fiume scarlatto

2^classificato: Giorgio Ghioni  ex-aequo

Spari  nel campo

foglie di granoturco 

sporche di sangue

Mezcla, piera carroli

Share

Iniziamo l’anno con una segnalazione. Il libro di Piera Carroli, Mezcla. World noir in Italy (Troubador, UK 2019) tutto dedicato ai romanzi di Marilu’ Oliva apre un nuovo territorio agli studi accademici e di genere, in quanto mescola (e la mescolanza fa parte della dichiarazione d’intenti fin dal titolo) linguaggio critico e fandom, creando una zona franca in cui riflettere su una scrittrice italiana nell’arena del noir internazionale. Rigorosamente bilingue, così come la stessa Carroli eroina dei due mondi (ricercatrice italiana in Australia), il volume è costituito da vari saggi che creano una mappatura delle opere di Oliva, dalla trilogia della Guerrera a quella del Tempo, passando per l’impegno contro il femminicidio e approdando alla produzione recente (Lo zoo, Musica sull’abisso). Uscito a dieci anni esatti dal romanzo d’esordio (Repetita), Mezclainterpreta una poetica di inclusione, contaminazione e intercultura  comune a entrambe le autrici – Oliva e Carroli – sullo sfondo di un panorama italiano noir sempre più aperto alle suggestioni imposte dalla globalità, a partire dalla società multietnica per giungere alla cittadinanza digitale. Un esperimento a più voci, che vede i nomi di Maricetta Barbaro, Camilla Ghedini, Laura Lori fra gli altri, e che rende omaggio a numi tutelari che spaziano da Dante Alighieri a Donna Haraway per definire la poetica straordinaria di un’autrice capace di introspezione psicologica e analisi sociologica, incamminatasi sulla strada di un noir che è anche Bildungsroman, romanzo di denuncia e di resistenza, strumento di rivendicazione etica.

a.c.

Recensione di Non e’ un mestiere per uomini

Share

Dal blog  di Valerio Calzolaio una breve recensione

Anna Katharine Green
Non è un mestiere per uomini. I primi tre casi di Violet Strange
Marsilio Venezia, 2019 (orig. americano 1915)
A cura (e traduzione) di Alessandra Calanchi
Con una nota di Giuseppina Torregrossa

L’americana Anna Katharine Green (1846-1935) è stata una delle più grandi scrittrici del genere mistery, noir, policier, kriminal, giallo. Finalmente! Era proprio ora di riscoprirla ed è così che andrebbero sempre pubblicati testi letterari non contemporanei!

per leggere l’articolo