“Dalla corte al chiostro” di Tiziano Mancini al Premio Grottammare

Share

Il romanzo storico “Dalla corte al chiostro. Vita romanzata di Elisabetta Feltria” (pubblicato da Guerrino Leardino, 2023) di Tiziano Mancini si è aggiudicato sabato 4 maggio la Menzione d’onore – Premio speciale della giuria, della 15a edizione del Premio Letterario “Città di Grottammare” presieduto da Dacia Maraini. Nell’occasione la celebre scrittrice ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Grottammare. “Un premio che mi onora per il suo prestigio” ha detto Mancini nel ricevere il premio “e che nel parlare oggi della pace raggiunta tra Urbino e Rimini attraverso il matrimonio di Elisabetta e Roberto, figli dei due acerrimi nemici Federico da Montefeltro e Sigismondo Malatesta, spero possa essere un segno di buon auspicio” 

Immagini collegate:

Call for papers – Urbinoir 2024 – eXtramOndiNOIr

Share

Noir d’altri mondi a Urbino – 21-22 novembre 2024

Nell’epoca contemporanea, caratterizzata da un’escalation di situazioni drammatiche (guerre, violenza, catastrofi climatiche) l’immaginario narrativo può offrirsi come una valvola di sfogo, una fuga nella fantasia, un’àncora di salvezza dalla quotidianità. Ci sono però autori e generi che accanto all’esercizio dell’immaginazione continuano a porre le questioni politiche e sociali e la condizione umana tout court. Fra questi, il noir offre esempi importanti di un’incessante ricerca di stimoli e di riflessioni in diverse direzioni. Caratterizzato da un’imprescindibile malinconia per la perdita di un Eden irrecuperabile, il noir insegue la chimera di una verità irraggiungibile, di una giustizia evanescente, di un’impossibile riconciliazione.

Ed è sbagliato pensare che il noir – il noir di oggi – sia un semplice genere letterario o cinematografico. Il noir raccoglie su di sé la memoria dell’hard-boiled e del true crime, del poliziesco e del polar, del thriller psicologico e del procedural, per dirne solo alcuni. Ma non basta ancora. Il noir è la cartina di tornasole – scusateci l’ossimoro – della nostra società, dei nostri guai, delle nostre colpe. Non è un buco nero ma l’orizzonte degli eventi, su cui resta impressa la memoria di ciò che siamo e siamo stati. Un orizzonte terrestre ma anche cosmico, letterario, cinematografico, culturale politico, umanistico e scientifico.

Nel corso degli anni, con Urbinoir, abbiamo indagato non solo l’etica e l’estetica del noir, ma la botanica, la geologia, l’informatica, le pseudoscienze, e poi le amnesie dissociative, la violenza di genere, la transmedialità. L’edizione 2024 vuole aprire un nuovo spiraglio, anzi uno squarcio negli altri mondi possibili, quelli del futuro o quelli di altre dimensioni, creando un ponte fra il noir e la fantascienza, l’ucronia, le utopie e le distopie.

Le ombre dell’agire umano si allungano oltre i confini dello spazio e del tempo terrestre e l’esplorazione di altri universi è il senso più autentico di una ricerca del limite e dell’assoluto attraverso la scienza e i limiti imposti dalla corporeità fisica. La creazione dell’immaginario sembra derivare proprio dalla volontà di uscire dai confini troppo stretti dei corridoi spazio/temporali tipicamente terrestri. L’immaginario umano si è affidato quindi al sogno e al suo stesso potenziale predittivo per abitare o attraversare mondi possibili, extra-corporei, extraterrestri o extra-galattici a volte semplicemente extra-umani.

La libertà del pensiero creativo uscendo dai limiti noti dell’umano/terrestre/relativo affronta così relazioni di esistenza mai sperimentate prima, dove potere, conoscenza, diritto e vita si offrono all’ignoto e al misterioso. A ciò si aggiunga che molta letteratura d’anticipazione ha fantasticato anche di mondi possibili e di comunità umane libere dalla schiavitù del lavoro. Ancora oggi l’applicazione in molti settori produttivi del machine learning e dell’Intelligenza Artificiale (I.A. o A.I.) pone davanti a noi due questioni: l’orizzonte della libertà in sè con una prospettiva più oscura, vista la velocità esponenziale delle macchine di apprendere, e l’inquietante ma realistica possibilità di utilizzare l’I.A. a scopi deleteri per l’umanità stessa come per gli usi militari e di deterrenza o la manipolazione a fini omicidiari, con tutto un portato giuridico ed etico non ancora esplorato. A questo si aggiunga la concreta possibilità che macchine, automi, androidi e robot di ribellarsi all’uomo e/o al suo creatore.

Le terrestri coordinate culturali e scientifiche non sembrano più sufficienti quindi a esplorare il crimine e a comprendere i meccanismi sorgenti dalle umane passioni. L’edizione 2024 di Urbinoir vuole interrogare ed esplorare quali di questi extramondi in premessa popolano l’immaginario narrativo, visivo e multimediale. Quali risposte possiamo darci oggi proiettando le nostre paure nel futuro? Quali orizzonti attendono il crimine post-umano? Ci sarà ancora spazio per il crimine? Il giudizio degli uomini sarà subordinato al giudizio di altre entità sovrumane? Esisterà una dimensione etica o prevarrà un a-morale galattica? 

Si prega di mandare proposte per interventi di 20 minuti (titolo, breve abstract, breve bio) ai seguenti indirizzi:

gian.bischi@uniurb.it 

giovanni.darconza@uniurb.it

ENTRO e non oltre il 30 maggio 2024. Avrete una risposta definitiva entro il 30 giugno.

Non sono previste spese di registrazione al convegno, così come non sono previsti rimborsi o gettoni di presenza, ma un elenco di strutture convenzionate verranno indicate agli interessati.

Immagini collegate:

TRADUNOIR SPAGNOLO 2023

Share

TRADUNOIR SPAGNOLO 2023 – I edizione – Modalità: presenza

 

Per il PDF cliccate Tradunoir spagnolo 2023

È indetto per le studentesse e gli studenti regolarmente iscritti alle lauree magistrali DIRI e CIDI la prima edizione del concorso Tradunoir in spagnolo.

Comitato di valutazione: G. Darconza e I. Alcántara Infante (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo).

Premio: targa e pubblicazione digitale.

Premiazione: durante il convegno Urbinoir 2023, Venerdì 24 NOVEMBRE 2023, a partire dalle ore 11:00  in Aula Magna di Collegio Raffaello.

LE DOMANDE DOVRANNO PERVENIRE VIA EMAIL, UNITAMENTE AL CV E ALLA AUTOCERTIFICAZIONE RELATIVA AI VOTI CONSEGUITI NELLE MATERIE DI PERTINENZA NEL PROPRIO CURRICULUM (lingua spagnola, letteratura e/o cultura spagnola) E AL VOTO DI TESI DI LAUREA TRIENNALE, ENTRO IL 20 OTTOBRE 2023.

Prova d’esame:

  1. Traduzione in presenza prevista per mercoledì 25 Ottobre, a partire dalle ore 15:30 presso Collegio Raffaello;
  2. I risultati saranno resi noti entro il 15 di Novembre.

Per info e invio domande:

giovanni.darconza@uniurb.it

irene.alcantarainfante@uniurb.it

 

Immagini collegate:

Delitto senza castigo su Segnalazioni letterarie

Share
Mercoledi 7 giugno c’è stata la diretta in SEGNALAZIONI LETTERARIE sul romanzo di Charlotte Perkins Gilman Unpunished nella traduzione di Luca Sartori (DELITTO SENZA CASTIGO), Introduzione di Alessandra Calanchi, uscito per i tipi de Le Lettere (2023) con un contributo dell’Università di Urbino.
 
Si tratta di un volume importantissimo, lungamente atteso sia nell’area dei gender studies sia tra i cultori del poliziesco, scritto nel 1929 ma incredibilmente attuale: non solo un giallo perfetto, ma un’accusa lucida e argomentata degli abusi del sistema patriarcale, della violenza domestica, dei molti linguaggi della sopraffazione.

 

Immagini collegate:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi