A testa in giù, (Morellini Editore 2014) di Elena Mearini

Share

Ci ho messo più del dovuto a leggere questo romanzo di Elena Mearini intitolato A testa in giù, (Morellini Editore 2014) purtroppo… Sì, purtroppo perché è una di quelle storie che vorresti leggere tutta d’un fiato. Invece tra impegni lavorativi e quotidiani ho dovuto interrompere la lettura per riprenderla nei ritagli di tempo libero, ma quando ero lontana da queste pagine non vedevo l’ora di tornare a immergermi nell’insieme di suoni e di colori che si ritrovano nell’intreccio di questa trama intelligente e coinvolgente. Sì, perché queste pagine parlano e arrivano dritte al cuore.

La tela che l’autrice ha tessuto è ricca di metafore che incuriosiscono e accompagnano il lettore in un viaggio, lo stesso che compiono le due voci dei protagonisti con i quali il lettore non può che sentire un’empatia molto forte, l’empatia che si crea anche tra i due personaggi: legati inconsapevolmente dal Destino o, se si preferisce, dalla Provvidenza.

Le due voci si scontrano e si incontrano in un mosaico di colori e suoni (e silenzi) e insieme trovano la Cura per il loro “malessere”, una cura semplice e pura, così a portata di mano, ma che della quale spesso ci si dimentica.

Una volta iniziato, non potrete più fermarvi, e allora lasciatevi guidare dalla luce dorata di queste righe alla scoperta di due anime luminose. Introduzione di Elisabetta Bucciarelli.

Elena Garbugli

La maledizione dei Baskerville a cura di Alessandra Calanchi

Share

9788867756643-la-maledizione-dei-baskerville

Pubblicata una nuova edizione in versione digitale curata da Alessandra Calanchi del classico di Arthur Conan Doyle  per la Delos Digital.  Il romanzo La maledizione dei Baskerville di Arthur Conan Doyle è disponibile a 1,99 euro su www.delosstore.it/ebook/47466/la-maledizione-dei-baskerville/ e in tutti i principali eStore.

cliccare sul link seguente per leggere l’articolo pubblicato su Sherlock Magazine 

Quando i giochi a somma zero danno un risultato negativo di Francesco Gentili

Share

Un breve saggio di Francesco Gentili  che qui volentieri pubblichiamo sul rapporto arte/scienza, la teoria dei giochi applicata  allo studio dell’intersezione tra cinema e letteratura.

Istintivamente si potrebbe pensare che arte e scienza viaggino su due rette parallele ma, pensandoci un po’, ci si rende conto che più che rette parallele arte e scienza possono essere considerate in realtà delle curve che si intersecano ripetutamente. Diverse forme d’arte hanno, infatti, delle basi scientifiche: basti pensare alla musica, in cui la costruzione delle scale, degli accordi e degli intervalli musicali rispetta rigide regole matematiche. Anche nelle arti figurative si riscontrano facilmente delle basi scientifiche se si pensa ad esempio allo studio della prospettiva o dell’anatomia. Persino nella letteratura, dove questa interazione tra arte e scienza potrebbe sembrare meno evidente, ci può essere una base scientifica; mi riferisco in particolare al genere noir. Per capire di cosa si sta parlando, riporto una parte dell’introduzione di Determinismo, relativismo, complessità: le vite parallele di matematica e romanzo poliziesco del Prof. Gian Italo Bischi: “Il parallelismo fra il ragionamento ipotetico-deduttivo della matematica e i procedimenti con cui gli investigatori “dimostrano la verità” nei romanzi polizieschi è evidenziato fin dall’origine di questo genere letterario, che viene fatta risalire alla pubblicazione, nel 1841, di “The murders in the Rue Morgue” di Edgar Allan Poe. Infatti nell’incipit di questa opera fondante, nel descrivere le caratteristiche della figura dell’investigatore, Poe afferma che “I risultati cui perviene, dedotti dall’anima stessa, dall’essenza del metodo, hanno, in verità, tutta l’aria dell’intuizione. La capacità di risolvere è probabilmente potenziata dallo studio della matematica e soprattutto del ramo più nobile di essa che impropriamente, e solo a causa delle sue operazioni a ritroso, è stato denominato analisi”.
Quello che si vuole fare in questo scritto è cercare di identificare un ulteriore punto di tangenza tra arte e scienza, nello specifico tra cinema e teoria dei giochi (non ci si riferisce al chicken game, il cui nome è dovuto alla famosa scena della sfida automobilistica in Gioventù bruciata), ma procediamo con ordine. […]

Per continuare a leggere scaricare l’intero articolo in formato PDF dal link seguente: Quando i giochi a somma zero danno un risultato negativo

Urbinoir 2014 – Esiti concorso Mystery Chef Noir 2014

Share

Motivazione per l’assegnazione del primo premio al miglior classificato nel concorso “Mystery Chef Noir 2014”

Attestato Mystery chef Fsca Secci

I sei finalisti ricevono tutti il grembiule con il logo Urbinoir. Alla vincitrice, Francesca Secci, il ristorante  Ca’ Mignone offre la cena.

Francesca Secci ha dimostrato una perfetta comprensione ed elaborazione del compito assegnato. La sua ricetta è spiegata con chiarezza, così come la sua importanza nel testo di Rex Stout è ben delineata. Il piatto presentato ha un valore significativo non solo dal punto di vista gastronomico ma anche dell’indagine e riveste un ruolo importante nell’economia della narrazione.

La figura di Nero Wolfe, il celebre detective sedentario creato dallo scrittore americano Rex Stout, e a cui ha reso omaggio anche un altro concorrente finalista, Marco Monari, troneggia in tutta la sua grandezza di gourmet e investigatore, e sembra quasi strizzarci l’occhio. Dopo tutto, sembra dirci, il piatto vincitore non poteva che essere dedicato al grande Nero Wolfe.

Francesca Secci è una nostra ex-studentessa, ha già partecipato a un convegno internazionale, ed è campionessa di nuoto. Ci congratuliamo con lei per lo spirito, l’intelligenza, la competenza e la simpatia che hanno animato la sua prova.

Di seguito le ricette complete e le relative citazioni dei luoghi con commento dei 6 autori finalisti del concorso, cliccare sui link per leggere o scaricare il file in PDF

SECCI-1

MONARI-2

BISCHI – POGGIALI-3

BERNARDINI – CECCHINI-4

ERCOLANI-5

CAPORALETTI-6

 

Il programma di Urbinoir 2014 – Chlorophyll Killers

Share

Per scaricare il pieghevole contenente il Programma dell’Edizione 2014 di Urbinoir – Chlorophyll Killers cliccare sul seguente link URBINOIR 2014-pieghevole[1] e sull’immagine seguente per visualizzarlo.URBINOIR 2014-pieghevole[1]

 

La giornata inaugurale ha visto la partecipazione del Rettore Stocchi

Rettore
Il Magnifico Rettore dell’Università Carlo Bo di Urbino, Vilberto Stocchi

Rettore + altri

Puntarello Rocchi

Pubblico 2

Urbinoir/Cinenoir & Mystery Chef

Share

Nell’imminenza dell’avvio del nuovo ciclo di studi di Urbinoir che si terrà dal 25 al 28 Novembre presentiamo il Programma di CineNoir e la locandina della Cena con delitto  e premiazione al concorso Mystery Chef abbinato alla presente edizione di Urbinoir 2014. Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Cliccare per scaricare il programma in PDF Ciclo film Urbinoir 2014

Ciclo film Urbinoir 2014 mystery chef manifesto

Anche le scimmie cadono dagli alberi di Alessandro Berselli

Share

pastedGraphic.pdf                                                                                pastedGraphic_1.pdf

 

URBINOIR presenta:

“Da Ambrose Bierce a Woody Allen,

da Alessandro Berselli a…?”

Presentazione del romanzo

Anche le scimmie cadono dagli alberi (Piemme, 2014)

Alessandra Calanchi e Tiziano Mancini

dialogano con Alessandro Berselli

Mercoledì 5 novembre 2014

Ore 17

Libreria Montefeltro

Urbino, Collegio Raffaello, Piazza della Repubblica